Giurisprudenza Civile

Cassazione civile, Sez. Un., ordinanza 3 giugno 2013, n. 13899

Il giudice tributario è competente a decidere la domanda risarcitoria proposta dal contribuente a titolo di responsabilità processuale aggravata, di cui all’art. 96 cod. proc. civ. . In tal caso, la condanna alla corresponsione della somma può riguardare anche il danno derivante dall’esercizio, da parte dell’Amministrazione finanziaria, di una pretesa impositiva “temeraria”, in quanto derivata da mala fede o colpa grave, con conseguente necessità, da parte del contribuente, di adire il giudice tributario.

Cassazione civile, Sez. Un., ordinanza 3 giugno 2013, n. 13899

Download PDF