Direttore Scientifico: Claudio Melillo - Direttore Responsabile: Serena Giglio - Coordinatore: Riccardo Ghio
Tags Articoli taggati con "crisi di coppia"

crisi di coppia

ludes2di Agnese Riccardi e Andrea Carta

Facoltà di Scienze Umane – Corso di La
urea in Psicologia – Ludes HEI (Malta)

Mantenimento e rottura di un legame affettivo

L’amore è l’unico modo per cogliere un altro essere umano nel nucleo più intimo della sua personalità” (Frankl, 2012). La ricerca di un senso e di un significato della vita, deve transitare, necessariamente, nel coinvolgimento relazionale e sentimentale. Nella vita di coppia, cosi come nel dolore legato alla dissoluzione della stessa, spesso motivato dal crollo dei progetti comuni e di obiettivi futuri co-condivisi, si sperimenta una sensazione che rimanda alla nostra traiettoria nel mondo quotidiano. Non a caso E. Lukas (1988), con grande precisione, fa notare come prendersi cura, amare qualcuno, significhi dare un senso alla propria esistenza, riempiendola di coscienza e condividendo con il proprio partner la gioia di un percorso costruito a quattro mani. “lo faccio per te”, “mi prendo cura di te”, frasi ricorrenti in amore, che hanno una ben delineata finalità e una direzione: l’importanza dell’altro. Si deve sottolineare, quindi, come esistano due dimensioni-motivazioni distinte dello “stare nella coppia”: quella del significato e quella della responsabilità. Se io ho responsabilità nei confronti del partner, devo considerare il suo punto di vista, devo cercare di attualizzare concretamente, apertamente, senza egoismo il progetto che entrambi abbiamo pensato, devo lanciare lo sguardo verso il futuro. Questo implica lealtà, forse primo motore motivazionale, che rende onore al perché della mia scelta.

ludes2di Rossella Ridolfi e Andrea Carta

Facoltà di Scienze Umane – Corso di Laurea in Psicologia – LUDES HEI (Malta)

Crisi della coppia: origini e soluzioni

Libertà: condizione di un soggetto che può agire senza nessun genere di costrizione.

Libertà di pensiero, di relazione, di espressione, ecco i colori dell’attuale società. Come in un quadro impressionista dove le emozioni non vanno nascoste o camuffate, dove la soggettività dell’autore viene messa in primo piano, dove l’artista diviene ribelle alle convenzioni e l’interesse viene così rivolto al colore piuttosto che al disegno, oggi il protagonista, il vero capitano della nave risulta essere l’Individuo. Enrico Cheli la chiama “La rivoluzione interpersonale” descritta quindi come un cambiamento radicale, drastico, repentino avvenuto da qualche decennio a questa parte. Per millenni fino alla prima metà del XX secolo, tutti i membri della comunità dovevano conformarsi a regole e a schemi ben precisi. La morale era rigida, repressiva, autoritaria, risultava allora impensabile discostarsi dalla norma senza pagarne un duro prezzo. Il mondo era delimitato nel raggio di pochi chilometri dal luogo nel quale si viveva, tutto al di fuori di questo raggio era sconosciuto e spesso temuto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti