Tags Articoli taggati con "Jolanta Grebowiec-Baffoni"

Jolanta Grebowiec-Baffoni

(di Justyna Żylińska) [i]

Traduzione dalla lingua polacca Jolanta Grebowiec-Baffoni

La protezione penale e giuridica dei documenti nel contesto di reato del falso intellettuale (articolo 271 c.p.)

I. Le questioni relative ai documenti possono essere analizzate tenendo conto di varie problematiche. In primo luogo, dal punto di vista della definizione del contenuto e della sostanza del documento, delle funzioni che esso compie nella società, nonché della possibilità delle sue distorsioni e della sua introduzione nelle transazioni legali in modo non autorizzato. La legge penale tratta principalmente la protezione dell’autenticità del documento come base per l’equità delle operazioni legali. Le scienze giuridiche connesse con i procedimenti penali e civili dedicano molta più attenzione al documento, tenendo anche conto della sua funzione probatoria nella determinazione della legge esistente, del rapporto giuridico o delle circostanze aventi il significato giuridico. Infine, stabilire se il documento è vero o falso, la sua distruzione, la trasformazione o l’accettazione della sua conformità con l’originale, è il dominio delle scienze forensi[ii].

La sospensione condizionale della pena di detenzione prevista dal codice delle infrazioni polacco

(di Katarzyna Liżyńska[i])

Traduzione dalla lingua polacca a cura di Jolanta Grebowiec-Baffoni

Come introduzione alle riflessioni sulla sospensione condizionale dell’esecuzione di una pena detentiva, occorre avvicinare l’istituzione stessa di sospensione condizionale dell’esecuzione, in quanto è un’istituzione che appare sia nella legge polacca sulle infrazioni, sia nel codice penale. Le osservazioni introduttive consentiranno di comprendere il meccanismo di funzionamento di questa istituzione nel diritto penale ampiamente definito.

La sospensione condizionale della pena è una misura di prova tradizionale nel sistema penale polacco. Si riferisce sia alla pena detentiva per il reato che alla pena detentiva per l’infrazione[ii]. Essa si basa sull’effettiva esecuzione della pena determinata dal giudice nella convinzione che l’obiettivo della pena verrà raggiunto nonostante che la pena stessa non verrà scontata dal trasgressore. La previsione criminologica del perpetratore suggerisce che egli in futuro non commetterà alcun crimine o alcuna infrazione e che egli non richiede nessun riadattamento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti